Che cos’è un broker?

Che cos’è un broker?

Sempre più spesso si sente parlare di broker, sopratutto nell’ambito del trading online. Ma un broker cos’è e di cosa si occupa precisamente?

Partiamo con la definizione generale:

In ambito economico, il broker è colui che esercita un ruolo da intermediario tra chi vende e chi acquista. Si occupa degli aspetti organizzativi e di negoziazione tra le parti, trattenendo una commissione alla conclusione dell’affare.

Il termine broker, infatti, deriva dall’inglese e significa intermediario.

A seconda del settore specifico, esistono poi diverse tipologie di broker. Ecco le principali:

  • finanziario
  • assicurativo
  • immobiliare

Differenza tra Broker e Consulente finanziario

Un errore comune è quello di confondere il broker finanziario con il consulente finanziario.

Il consulente finanziario si occupa, in estrema sintesi, di proporre e suggerire gli strumenti o asset finanziari più vantaggiosi e idonei allo specifico cliente. In questo caso, si tratta di un rapporto essenzialmente basato sulla fiducia nei confronti del consulente, al quale il cliente affida il “destino” del proprio capitale.

Il broker finanziario è una persona o ente che si occupa di gestire le transazioni relative a prodotti finanziari tra acquirente e venditore, ricavandone una commissione. Il broker esegue le operazioni su mandato del cliente, per questo è importante scegliere un broker affidabile e trasparente nei costi di commissione.

Broker Online

Con lo sviluppo di internet e la diffusione del trading online, si possono definire broker finanziari anche tutte quelle piattaforme online come Etoro, Plus500, Trading212, IG, ecc., di cui probabilmente avrai già letto o perlomeno sentito. In altre parole, potremmo dire che il broker online rappresenta l’anello di congiunzione tra te investitore e il mercato.

Un semplice esempio:

Poniamo il caso che hai a disposizione un certo capitale e lo desideri investire in azioni. Quindi, una volta creato il tuo account su una piattaforma sicura e affidabile, decidi di acquistare, per esempio, 50 azioni FitBit, il cui prezzo corrente è 6.84 $.

Nel momento in cui confermi l’operazione, non sei tu ad operare direttamente nel mercato, ma stai comunicando a un intermediario (il broker) di acquistare per te un certo volume di azioni.

Qual è il guadagno del broker?

Il broker può guadagnare sui costi di commissione applicati per eseguire le operazioni. Tali costi variano, anche notevolmente, a seconda del broker scelto.

Alcuni broker come eToro non applicano commissioni (o laddove le applicano, sono comunque molto basse) e traggono perlopiù il loro guadagno dallo spread dei prezzi.

Torniamo all’esempio di prima. Il prezzo effettivo delle azioni era 6.84 $, ma il prezzo che hai pagato per acquistarle è stato, supponiamo, di 6.88 $. Questi 4 centesimi di differenza rappresentano lo spread, ovvero la differenza tra i prezzi di domanda e offerta. Se e quando il prezzo salirà a 6.88 $, avrai recuperato il costo del broker, mentre, oltre quella soglia, comincerà il tuo profitto.