Guida WordPress: 10 cose da fare dopo l’installazione

Guida WordPress: 10 cose da fare dopo l’installazione

Hai appena installato WordPress e ti stai chiedendo ora come procedere?

Una piccola guida WordPress sulle prime cose da fare prima di mettere mano ai contenuti.

1. Elimina i contenuti di default

Per prima cosa assicurati di eliminare i contenuti d’esempio che vengono automaticamente creati durante l’installazione di WordPress.

Naviga in Articoli, Pagine e Commenti dal menu admin di WordPress, seleziona il contenuto da eliminare e clicca su ‘Sposta nel cestino’.

Nota: i contenuti spostati nel cestino esistono ancora ma non sono pubblicamente visibili nel sito. Cliccando sulla voce ‘Cestinati’ si ha accesso al contenuto del cestino e si ha la possibilità di ripristinare gli elementi qui presenti oppure eliminarli in modo definitivo.

2. Elimina i temi non utilizzati

È consigliabile eliminare i temi installati e non utilizzati. Questi temi possono essere quelli automaticamente installati con WordPress oppure altri temi utilizzati per delle prove.

I temi sono soggetti a periodici aggiornamenti che, se non effettuati, possono creare falle di sicurezza e rendere il blog vulnerabile.

Dal momento che si tratterebbe di una manutenzione necessaria ma in un certo senso inutile, tanto vale eliminare i temi non utilizzati.

3. Imposta correttamente i permalink

Vai in ImpostazioniPermalink e sotto Impostazioni comuni seleziona l’opzione Nome e articolo.

Questa opzione fornirà agli URL del tuo sito una struttura SEO-friendly, ovvero ben vista dai motori di ricerca come Google o Yahoo.

Ci sono in realtà altre opzioni disponibili, come Data e nome oppure Mese e nome, ma generalmente consiglio la più pulita, appunto Nome e articolo.

L’opzione Semplice è invece sconsigliata: non facendo uso del modulo Rewrite, non è conforme alle buone norme SEO.

Comunque, se l’opzione suggerita dovesse essere già quella selezionata di default nella tua pagina delle impostazioni permalink, allora non modificare nulla e vai al prossimo punto.

Impostazioni permalink wordpress

4. Imposta nome e descrizione del sito

Vai in Impostazioni > Generali e inserisci un titolo e una descrizione (motto) per il tuo blog.

Titolo e descrizione sito wordpress

5. Configura le impostazioni di lettura

Una prima decisione da definire nelle fasi iniziali di creazione di un blog riguarda la home page. Devi decidere se vuoi che la pagina principale del sito sia statica o dinamica.

Di default, WordPress è impostato per avere una home page dinamica. Questo significa che i contenuti andranno ad aggiungersi in essa in modo automatico, ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo.

Tuttavia, per ragioni più che comprensibili, potresti preferire mantenere in home un testo fisso, magari una presentazione o un testo introduttivo. In questo caso, dovrai per prima cosa andare in Pagine > Aggiungi nuova. Ora inserisci il titolo per la tua pagina principale, ad esempio ‘Home’ e poi clicca su Pubblica.

A questo punto vai in Impostazioni > Lettura, seleziona Una pagina statica e assegna la pagina precedentemente creata a Homepage.

Se desideri poi avere anche una pagina che includa la lista degli articoli pubblicati, crea un’altra pagina, ad esempio ‘Blog’ e assegnala a Pagina articoli.

Impostazioni lettura wordpress

6. Visibilità ai motori di ricerca

Restiamo in Impostazioni > Lettura per vedere un’altra importante funzione di WordPress, ovvero Visibilità ai motori di ricerca.

Bloccare o meno il sito ai motori di ricerca dipende prevalentemente da te. Se sei ancora in fase di sviluppo può avere senso preferire che il sito non sia indicizzato. Ciò per evitare che vengano indicizzati contenuti indesiderati.

Se invece il tuo sito è già pronto e devi solo iniziare a scriverci, allora puoi benissimo lasciarlo già visibile.

Note importanti:

1) Nel caso in cui si decida di selezionare la casella (e quindi di scoraggiare i motori di ricerca), ricordati assolutamente di deselezionare tale opzione, una volta che il sito sarà pronto per essere indicizzato. Altrimenti, esso non sarà mai visibile su Google o qualsiasi altro motore.

2) Se il sito ha già contenuti indicizzati (e magari pure ben posizionati) non selezionare questa casella, a meno che tu non voglia perdere completamente indicizzazione e posizionamento acquisiti.

Visibilità motori di ricerca wordpress

7. Imposta il tuo fuso orario

Questa può sembrare una cosa banale, ma è meglio farla, tanto ti prenderà solo pochi secondi. Se, ad esempio, in futuro dovessi avere la necessità di programmare la pubblicazione degli articoli, sarà importante che il fuso orario (Timezone) applicato nel sito coincida con il tuo.

Vai in Impostazioni > Generali e scorri verso la fine della pagina. Alla voce Fuso orario seleziona il tuo fuso orario (Roma, se ti trovi in Italia).

Qui potrai gestire altre impostazioni generali, come il formato della data e dell’ora e la lingua del sito che, comunque, dovrebbe essere già su Italiano, se hai installato la versione di WordPress italiana.

Impostazioni fuso orario wordpress

8. Abilita o disabilita la registrazione al sito

Rimani nella pagina Impostazioni > Generali, appena sopra la selezione del fuso orario vista al punto precedente, c’è un’altra opzione importante da prendere in considerazione.

Si tratta di dare o meno agli utenti la possibilità di registrarsi.

A meno che tu non abbia sin da ora questa esigenza, ti consiglio di lasciare questa opzione disabilitata, per il momento.

In questo modo eviterai un bel po’ di registrazioni spam (cosa che comunque può essere evitata attraverso l’utilizzo di plugin specifici).

Disabilitare registrazione wordpress

9. Impostazioni per i commenti

Se la tua intenzione è quella di aprire un blog personale, è quasi d’obbligo consentire agli utenti di commentare i tuoi articoli.

Vai in Impostazioni > Discussione e fai riferimento alla schermata qui sopra per impostare le diverse opzioni generali relative ai commenti.

Se sta già nascendo in te qualche timore legato allo spam, non ti preoccupare. Più avanti affronteremo anche questo discorso.

Nel caso in cui tu non voglia consentire i commenti nel sito, puoi installare un plugin come Disable Comments. In alternativa i commenti possono essere disattivati singolarmente, all’interno del post. In questo caso dovrai però ricordarti di farlo per ogni singolo post.

Impostazioni commenti wordpress

10. Aggiorna la lista dei ping

Ogni volta che pubblichi o aggiorni un articolo, WordPress invia il ping a tutti i servizi Ping elencati nella lista. In questo modo, i servizi di ping vengono avvisati del nuovo post e il motore di ricerca li indicizza rapidamente.

Vai in Impostazioni > Scrittura e scorri verso la fine della pagina fino alla voce Servizi di aggiornamento.

Lista ping wordpress

Conclusioni

Abbiamo visto in questo articolo le principali opzioni da impostare nell’area di amministrazione del sito, appena dopo aver installato WordPress.