Cos’è un plugin?

Cos’è un plugin?

Ti sei imbattuto per qualche ragione in questo termine, forse anche più di una volta, e ti stai ancora chiedendo cos’è un plugin? oppure a cosa serve un plugin? 

Iniziamo, quindi, col dare una definizione… O meglio, chiediamola direttamente a Wikipedia:

Il plugin in campo informatico è un programma non autonomo che interagisce con un altro programma per ampliarne o estenderne le funzionalità originarie.

In modo un po’ più grezzo, potremmo definire un plugin come una porzione di codice, in uno o più linguaggi informatici, necessaria a svolgere una o più funzionalità o ad estendere ulteriormente funzionalità già poste in essere dal programma principale o da un altro plugin.

Comunque lo si voglia definire, resta che il plugin è un potente strumento, qualcosa di fondamentale per praticamente qualsiasi software.

Considerando che sarebbe ipoteticamente possibile aggiungere un n numero di plugin, possiamo dire che i plugin consentono di estendere le potenzialità di un programma un n numero di volte.

La caratteristica che rende così forti questi ‘programmi non autonomi’ è di essere modulari e quindi possono essere aggiunti o rimossi come i tasselli di un puzzle, a seconda delle esigenze.

Questa è la ragione per cui sono perfetti da utilizzare anche nell’ambito di siti internet. Grazie all’utilizzo di diversi plugin, siamo in grado di creare siti con molteplici e anche complesse funzionalità senza nemmeno scrivere una riga di codice.

Plugin per WordPress o per web

In ambito web, se sentiamo parlare di plugin, è molto probabile che si tratti di un plugin WordPress, di qualche altro CMS (Content Management System) oppure un plugin per linguaggi Javascript o PHP.

Possiamo trovare plugin per la gestione di gallerie fotografiche, per la creazione e il funzionamento dei form di contatto, per l’ottimizzazione SEO, per la creazione di slider o gallerie, e per un’altra infinità di funzioni.

I plugin consentono agli sviluppatori di risparmiare un’infinità di tempo, perché danno loro la possibilità di utilizzare codici già scritti e testati da altri sviluppatori.

Anche i plugin possono avere i loro svantaggi:

  • si devono mantenere costantemente aggiornati (o si possono rischiare malfunzionamenti o, peggio ancora, falle nella sicurezza del sito)
  • non sempre sono gratuiti e in certi casi c’è una scelta così ampia che può risultare difficile una valutazione
  • in alcuni casi si possono creare conflitti tra plugin
  • possono appesantire il sito

Svantaggi comunque gestibili con un poco di accortezza e marginali rispetto ai benefici che se ne può trarre.

Spero che questo articolo sia riuscito a darti un’idea abbastanza chiara di cos’è un plugin e a che cosa serve.